Quando una stella torna e risplendere…

Quando una stella torna e risplendere…

201
0
Condividi

Santana "Sacred Fire", disco scelto e commentato da Luigi Viva, giornalista e scrittore

In onda tutte le sere alle 20e15 - 22e15 - 00e15 su Radiobase Mantova

Luigi Viva ritorna ospite di Alberto Lorenzini per tutta la settimana all’interno di “Disco Base”. Dopo gli 
 Snappy Puppy, Luigi ci propone questa volta un lavoro live del 1993, “Sacred Fire”, poco conosciuto ma fondamentale nel percorso artistico del chitarrista messicano Carlos Santana.
Ricordiamo che Viva è un giornalista/scrittore di musica collaboratore di alcune tra le più prestigiose testate giornalistiche, nochè socio fondatore della Fondazione Fabrizio De Andrè e ideatore del Progetto Conservatori che ha consentito la realizzazione delle partiture integrali di tutta l’opera di Fabrizio De Andre’ (in collaborazione con i Conservatori di Mantova, Genova, Firenze, Parma, Bologna e Verona).
 Nel 1989 ha pubblicato la biografia di Pat Metheny e nel 2000, dopo ben otto anni di lavorazione, quella di Fabrizio De Andrè “Non per un dio ma nemmeno per gioco”. Luigi Viva per tutta la settimana commenterà i brani più significativi dell’album “Sacred Fire – Live in South America” di Santana, di cui è tra l’altro amico personale, raccontando aneddoti e curiosità da non perdere.
Gli appuntamenti in onda con il Disco Base rimango quelli storici di sempre (20e15 – 22e15 – 00e15) 7 giorni su 7 solo sui 103,2 Mhz di Radiobase.

Condividi
Articolo precedenteSantana “Sacred Fire – Live in South America ” (1993)
Prossimo articoloI pareri di Spesso Di Parte
Alberto Lorenzini

Indimenticabile mattatore, in coppia con Gianfranco Monti, dei primi programmi sperimentali di Videomusic, passato a Radio Capital di Claudio Cecchetto e quindi a Rai Tre, fino al grande salto a Mediaset, nelle prime due edizioni de «Le Iene» e poi con Fiorello a Canale 5, a Rai Uno e ancora a RaiTre con “Telekommando”, mitico format di interviste ai vip, sfiorando la carriera cinematografica con piccoli cammei nei lavori di Panariello. La radio è sempre rimasta nel cuore di Alberto: dai primi anni a Radio Mantova, poi a Firenze con Carlo Conti.
Dal 2012 ad oggi a Radiobase con “Disco Base”.