Cose mai viste a Mantova

Cose mai viste a Mantova

50
0
Condividi

Buon giovedì visitante

Il 20, il 21 e sabato 27 e domenica 28, a Mantova, si potranno vedere cose mai viste.

Su iniziativa degli Amici dei musei, a Mantova, assieme a Milano e alla Valtellina apriranno 10 case o luoghi mai visti o visti, sino ad ora, da pochi addetti ai lavori.

Ciceroni saranno, per quasi tutti i luoghi mantovani, gli studenti dell’Artistico, del Classico e dello Scientifico che hanno studiato e applicato quanto appreso nel periodo dell’alternanza scuola lavoro.

A Mantova si potrà visitare dove componeva Stefano Gueresi, i depositi di Palazzo Te con collezioni d’arte del fine 800-900, l’area di S. Nicolò, futuro Hub di Mantova, gli affreschi della ex chiesa di Madonna della Vittoria, una settantina di dipinti di artisti legati a Mantova nella Galleria Fondazione BAM, la dimora della nobile e ricca famiglia Magnagutti, la rocchetta di S. Giorgio, meglio nota come Rocca di Sparafucile, Chiodare ed eremo delle grotte, nella attuale sede del Circolo Ufficiali, Villa Rossini, poi diventata Villa Tazio Nuvolari e, per finire, il Museo della trecentenaria Gazzetta di Mantova.

I biglietti si possono acquistare on line suhttp://leviedeitesori.com/mantova/o presso la ex Chiesa della Madonna della Vittoria o direttamente all’ingresso dei luoghi indicati, a prezzi simbolici.

Due fine settimana di cose e case mai viste.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie.

@robertostorti