Studenti: non farsi vedere per farsi sentire

Studenti: non farsi vedere per farsi sentire

279
0
Condividi

Buon lunedì distante

Oggi a Mantova, ma un po’ in tutta Italia, gli studenti protesteranno contro la DaD (Didattica a Distanza), non accendendo il computer per le lezioni on-line.

Non si faranno vedere, per farsi sentire.

Sono ormai diversi venerdì che protestano; adesso si sono stancati di rinvii su rinvii e usano l’unica arma che è loro rimasta: protestare.

Un Preside, avendo incontrato più di 200 suoi alunni e studenti in un centro commerciale, provocatoriamente vorrebbe chiedere di avere spazi a disposizione proprio dove, comunque i bambini e i ragazzi vanno.

Se non si contagiano per fare la spesa, soli o con i genitori, allora è pensabile che non si contagino studiando.

A risentirci domani, se vorrete. Grazie

@robertostorti

 

#fotoNONmie tratte dalla rete

Condividi
Articolo precedenteGettare la scuola in tribuna
Prossimo articoloGnòsi e fortünà