Snarky Puppy “Culcha Vulcha” (2016)

Snarky Puppy “Culcha Vulcha” (2016)

75
0
Condividi

Brani scelti e commentati da Luigi Viva, giornalista e scrittore.

In onda tutte le sere alle 20e15 - 22e15 - 00e15 su Radiobase Mantova

1. SNARKY PUPPY "Tarova"
2. SNARKY PUPPY "Gemini"
3. SNARKY PUPPY "Go"
4. SNARKY PUPPY "Palermo"
5. SNARKY PUPPY "Big Ugly"

Album fresco di Grammy 2017 , terzo consecutivo della band che ha risvegliato l’ambiente jazz mondiale. Gli ultimi due referendum di Down Beat li vedono infatti vincitori nella categoria Miglior Gruppo Jazz. Centinaia di concerti in giro per il mondo e a latere le intriganti produzioni del leader Michael League.

Il segreto del loro successo? La leadership di League che fa ruotare nella band oltre trenta musicisti, combinando le formazioni in modo tale da tenere lontano il già sentito. Primo album in studio questo, dopo anni di incisioni live (abbinate a dvd) con le quali si sono fatti apprezzare da milioni di fan, in quella terra di confine che è il jazz moderno, scalzando nomi come il grande Pat Metheny.

Elettronica, ritmo, uso dei fiati, momenti funk in questo piccolo gioiello. Da Palermo a Gemini, Grown Folks, Beep Box e le travolgenti Go e Big Ugly, rappresentano al meglio la loro musica. In evidenza oltre al leader, il pianista Bill Laurance (da non perdere il suo nuovo album Live At Union Chapel), il talentuoso chitarrista Chris McQueen, gli incredibili batteristi Larnell Lewis e Robert “Sput” Searight, il trombettista Mike Maher e il percussionista Marcelo Wolosky. Una autentica boccata di aria fresca, band che deve dare ancora il meglio. Amatissimi da giovani e musicisti.

Luigi Viva

Condividi
Articolo precedenteUna boccata di aria fresca…
Prossimo articoloI pareri di Spesso Di Parte
Alberto Lorenzini
Indimenticabile mattatore, in coppia con Gianfranco Monti, dei primi programmi sperimentali di Videomusic, passato a Radio Capital di Claudio Cecchetto e quindi a Rai Tre, fino al grande salto a Mediaset, nelle prime due edizioni de «Le Iene» e poi con Fiorello a Canale 5, a Rai Uno e ancora a RaiTre con "Telekommando", mitico format di interviste ai vip, sfiorando la carriera cinematografica con piccoli cammei nei lavori di Panariello. La radio è sempre rimasta nel cuore di Alberto: dai primi anni a Radio Mantova, poi a Firenze con Carlo Conti. Dal 2012 ad oggi a Radiobase con "Disco Base".

LASCIA UN COMMENTO