Record di caldo: alleggeriamo l’impronta

Record di caldo: alleggeriamo l’impronta

68
0
Condividi

Buon lunedì accaldato

Ce ne eravamo già accorti senza guardare il termometro, sulla nostra pelle appiccicosa di sudore perpetuo.

Ora abbiamo anche la conferma ufficiale, abbiamo, nel mantovano, il record Lombardo di caldo.

Se contro il freddo si può correre ai ripari, coprendosi, scoprirsi, col caldo, non é sufficiente.

Il problema nasce, non tanto come conbattere la calura, ma cosa fare di fronte a un aumento certificato di almeno due gradi due rispetto alla media del periodo, confrontandolo con i dati di 30 anni.

Anche senza essere specialisti si capisce che quando 50 anni fa, per stare al fresco bastava andare oltre gli 800 metri di quota, ora si deve quasi raddoppiare la distanza del livello sul mare per avere lo stesso refrigerio.

Questo record non desiderato ci deve far pensare, come ci fanno pensare le polveri sottili in altre stagioni.

Singolarmente ci sentiamo impotenti di fronte a cambiamenti globali, ma credo che negare che il clima, per colpa anche nostra, individuale, stia cambiando, sia perlomeno sciocco.

Dobbiamo alleggerire la nostra impronta, cambiando abitudini e stili; se non lo facciamo noi lo farà il pianeta che sta già iniziando a muoversi in questo senso.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti