Le banche scrigno non fanno le banche

Le banche scrigno non fanno le banche

65
0
Condividi

Buon martedì reinvestito

Le banche Mantovane, negli ultimi anni (2010-2017) hanno drenato risparmi di noi mantovani con un incremento di un miliardo e 200 milioni di Euro.

Nello stesso periodo hanno ridotto i prestiti di 1 miliardo e 700 mila Euro

Funzionano da scrigni ma non da banche, quali dovrebbero essere e, soprattutto, hanno abbandonato il territorio, riducendo drasticamente gli sportelli proprio ldove avremmo maggior bisogno per rilanciare la nostra economia.

Tanto per dare qualche numero di riferimento: nel destra secchia il calo degli sportelli é stato del -27%, nel Viadanese del -21%, Asola e CastelGrofferdo che soffrono della crisi della calza -11%, Suzzarese, -11%.

Con il calo degli sportelli, come é facile immaginare, sono calati anche i prestiti, che sarebbero lo scopo primario di una banca, soprattutto se di interesse locale, in modo da reinvestire ciò che i cittadini di quell’area risparmiano, proprio sul territorio in cui vivono, invece non succede così; i risparmi spariscono dal territorio e vanno a finire dove le banche, che tutto hanno assorbito, hanno i loro interessi, generalmente all’estero e in altra parti d’Italia.

In fondo, quando abbiamo venduto i gioielli di famiglia, come la BAM, dovevamo saperlo; se non ce lo hanno detto, é perché avevano interesse a tacere e intascare.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti