I distretti culturali sono “”Fattidicultura””

I distretti culturali sono “”Fattidicultura””

418
0
Condividi

Intervista a Carmelita Trentini (Regge dei Gonzaga)

Creatività e territorio in mutamento

FACT#10
ore 15.30-18.30
Santagnese10
CREATIVITA’, TERRITORIO E BENI COMUNI
Prima sessione: Esperienze di innovazione culturale sul territorio
Negli ultimi anni, l’esperienza dei Distretti Culturali ha costituito per il territorio mantovano un’importante strumento a matrice pubblica di valorizzazione del patrimonio, con specifi che azioni indirizzate a sperimentare nuove forme di fruizione dei beni culturali, e a sostenere l’avvio di nuove imprese creative. Al tempo stesso, sono nate autonome iniziative private, che costituiscono esempi concreti di come è possibile innestare elementi di innovazione a partire dalla cultura, investendo risorse e competenze nel settore, con contenuti ad alto impatto sociale.

Contributi:
Carmelita Trentini Direttore Distretto Culturale Regge dei Gonzaga
Isabella Bergamini Cordinatore Distretto Culturale Dominus
Case study:
Sonic Design
iMantova
Mutty
Beat Area
FabLab Imprimatvrlab
Seconda sessione: La governance dei beni comuni
Output del laboratorio di co-progettazione di Mantova “Imprese per i Beni Comuni”
Un’idea promossa dal Tavolo della Cooperazione, con la direzione scientifi ca di Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà
introduce Dott. Alberto Righi (Camera di Commercio)
interviene Prof. Christian Iaione (Labsus)
Condivisione, collaborazione, governance. Su queste premesse poggia il laboratorio di co-progettazione o ideas camp “Imprese per i beni comuni”, per coltivare, affinare e sintonizzare fra loro le progettualità selezionate nella call “La cultura come bene comune” lanciata dalla Provincia di Mantova. Nell’ideas camp le idee sono state potenziate e attrezzate con strumenti e tecniche interdisciplinari sofisticate: workshops di comunicazione digitale, design dei servizi, imprenditoria culturale e creativa, fundraising e sessioni di co-working per creare economie di scopo tra le idee, prototipandole e inquadrandole in una cornice più ampia. Si intende fare della sinergia con la città, il territorio, la comunità e le progettualità in esse esistenti o latenti la pietra angolare di una agenzia di sviluppo locale di comunità. I progetti coltivati nell’ideas camp formeranno i pilastri per proporre una soluzione di governance collaborativa, che veda istituzioni, imprese, terzo settore, parti sociali, cittadini, scuole e università agire insieme per ripartire dai beni comuni e dalla cultura in primis nella definizione di una strategia di sviluppo locale guidato dalla comunità e centrato sulla condivisione e la collaborazione.
Tutto questo oggi ha un nome: si chiama CO-Mantova.
Progetti: Hai del Sale?, Sfitto a Rendere, Reazione a Catena, Ours 2.0, Camminambiente