Il quartiere dei cantautori

Il quartiere dei cantautori

475
0
Condividi

Pochi abitanti, tanti furti

Pareri distorti (On Air alle 9 e 19.30)

Buon venerdì cantato
Esiste, alla periferia di Mantova, un quartiere che si affaccia sulla “magnifica” vista della tangenziale denominata Asse Sud, che finisce sui terreni di un fiorista raccordandosi con la vecchia statale per Cremona, esiste, dicevo, il quartiere inventato dai costruttori, denominato Borgonuovo, praticamente mai abitato.
Sono passati 10 anni dalla fine dei lavori e delle 2000 persone previste, ce ne sono qualche decina con interi palazzi e appartamenti abbandonati.
Colpa della crisi e della follia dei costruttori che adesso lamentano continui furti di materiale elettrico, sfondamenti di porte, occupazione abusiva.
Nel quartiere in cui le vie portano i nomi di cantautori e cantanti, non c’é allegria ma abbandono. Non si capisce come le ditte costruttrici riescano a sbarcare il lunario. C’é chi dice che sono riuscite a rifilare il tutto a fondi investimento che hanno abboccato e che contano i numeri di appartamenti non accorgendosi che tra poco, avranno forse solo le tramezze perché rubinetti, porte, vasche da bagno e quadri elettrici hanno preso altre strade.
Come spesso succede, nessuno ha colpe o vuole prendersele; nemmeno i cantautori che meritavano vie da ricordare e non da cancellare dalla toponomastica.
A risentirci domani. Grazie
@robertostorti

Condividi
Articolo precedente12 febbraio
Prossimo articoloSabato a piedi