“”Raggio”” di sole

“”Raggio”” di sole

390
0
Condividi

la partita vista dal ciffo

le buone e le cattive azioni del Mantova

Finalmente una partita all’orario giusto, alla splendida luce del sole, e finalmente si torna a vincere al Martelli. E uno splendido Raggio Garibaldi, che non solo ha sbloccato la partita e ha confezionato l’assist per il secondo gol, ma è stato, con Said, il migliore in campo.
Juric però è triste perché agli splendori della squadra fanno ombra le incertezze della società, mentre il mister della Torres dice che loro sono stanchi di doversi sempre spostare in aereo. Ognün agh ha le sò màndole.

Disegno 1. Partém con na bügada sügada (= rischio). Un tal Barbuti entra allegramente in area biancorossa lasciando sul posto Siniscalchi e Trainotti, ma quando fa per tirare, arriva il solito Scorsta (specialista in interventi salvabaracca) e il tiro finisce in angolo. Era il 2’.

Disegno 2. Al 6’ il gol del Raggio. Cross di Blek Macigno, testata di Garibaldi (1), paratona del giallo portiere (gli ho tratteggiato i calzoncini per distinguerlo dai suoi soci), e il Raggio (2), di sinistro, infila “alla Mortensen” (La Voce), un tizio inglese che ai miei tempi faceva gol direttamente su calcio d’angolo.

Disegno 3. Il raddoppio dopo un quarto d’ora. Da Boniperti la palla arriva a Garibaldi, che ti pennella un crossetto per l’altro biondo della compagnia, il Tavanti che arriva di gran carriera e di testa anticipa il giallo portiere di nome Testa.

Disegno 4. Omaggio a Said, incontenibile (l’han fermato solo con le cattive). Alla mezz’ora del secondo tempo, salta due o tre uomini bianchi ma poi spara alto. Avesse segnato meritava un 10. La Gazzetta gli da 7 e la Voce 6½. “Quand al cominciarà a segnar i la vendarà” commenta un mio vicino di spalti.