La navetta abbandonata

La navetta abbandonata

314
0
Condividi

L'aeroporto Catullo vicino ma senza collegamenti

Pareri distorti (OnAir alle 9 e 19.30)

Buon giovedì servito
L’aeroporto Catullo a Villafranca di Verona, dista da Mantova 35 km.
Ci sono milanesi, ma anche veronesi, che pagherebbero oro per avere una servizio così vicino.
Noi invece, in vista di EXPO 2015 che dovrebbe portare milioni di visitatori stranieri, invece di incentivare i servizi di collegamento tra aeroporto e Mantova, proprio all’inizio del 2015 abbiamo tolto l’unica navetta di collegamento, pagata con soldi pubblici da Comune, Provincia a Camera di commercio, e gestita, male, dall’Apam.
Perché male?
Perché faceva solo alcune corse al giorno invece di andare avanti e indietro senza soluzione di continuità rendendo appetibile l’utilizzo risparmiando sui costosissimi parcheggi e soprattutto risparmiando tempo.
L’autista, viene comunque pagato per l’intera giornata e il costo del carburante non era certo quello che avrebbe inciso. Bastava alzare a 10€ la corsa che il servizio sarebbe stato, comunque, ancora convenientissimo. Invece no, corse a orari fissi contro la possibilità di averne uno ogni ora e un quarto circa. (½ ora andare e ½ ora per tornare e un quarto d’ora per gli inconvenienti).
Adesso, Aster, la società in house del Comune, proprio in vista dell’EXPO propone una soluzione che vedrebbe impegnati i noleggiatori con conducente con servizi a chiamata del costo di 13 € andata 24€ A/R con prelievo del viaggiatore all’indirizzo indicato.
Potrebbe funzionare, ammesso che in comune, tra una indagine e l’altra, si riesca a discutere la proposta.
Perdere anche il treno EXPO che inizia tra 49 giorni, sarebbe da tordi.
A risentirci domani. Grazie
@robertostorti

Condividi
Articolo precedenteSigari a quattro ruote
Prossimo articoloSi fanno le canne