Duran Duran “Rio” (1982)

Duran Duran “Rio” (1982)

525
0
Condividi

In onda tutte le sere alle 20e15 - 22e15 - 00e15

Ascolta il Disco Base della settimana

1. DURAN DURAN "Rio"
2. DURAN DURAN "My Own Way"
3. DURAN DURAN "Hungry Like The Wolf"
4. DURAN DURAN "Save A Prayer"
5. DURAN DURAN "The Chauffeur"

discobase-fb-logoJohn Taylor ritmiche, funky alla Chic, il lato rock di Andy Taylor, il passato punk di Roger, la ricerca continua sonora e della perfezione di Rhodes (amante dei Japan), la voce sinuosa di Simon danno vita ai Duran Duran del primo album con atmosfere rock dark e brani più leggeri dove la perfezione di Nick Rodhes si mescola egregiamente alle linee di basso e batteria penetranti. Nel secondo album appunto, Rio definito un capolavoro, si fatica a trovare dei punti di contatto con il precedente, i Duran Duran sono dei camaleonti in fatto di look e suond fino ai giorni nostri poichè sempre in sperimentazione. Rio, sezione ritmica egregia e un basso strepitoso di John Taylor. Brano esotico e sensuale dove c’è anche la presenza di Andy Hamilton al basso.
Perla dell Album “the Chauffeur” famosa per il suo censurato Video, oltre che canzone di rara bellezza, dove un bellssimo giro di Synth accompagna un cantato dolente e sognante poi la batteria irrompe e sul finale il flauto.
New Religion un altro grande successo che segna lo “stile Duran” , ritmiche spigolose, atmosfere cupe, controcantato un brano avanti per “1982”.
Hungry like the Wolf , Hold back the rain altre due canzoni rock e funky. Rio rappresenta un mix delle atmosfere duraniane fatte di rock, funky, dark e melodico unito al pop , suoni originali e unici. Save a prayer rappresenta la hit che ebbe successo solo più tardi nella raccolta “arena”, sicuramente ascoltatissima, questa canzone resta però una seconda perla di questo album e a mio parere una canzone unica, diversa non so come spiegare se non con il termine capolavoro… loop di synth, ritmica reggea e la voce di Simon che accompagna la melodia a perfezione.
Ascoltare i Duran Duran dopo averli sentiti per intere annate alla radio non è cosa semplice, proprio perchè camaleontici nel corso degli anni e apparsi banali, quando ripercorrendo i vari album ci si accorge dell’incredibile ricerca sonora e ritmica dei DD, anche dopo la scissione e l’ arrivo di Cuccurullo ex di Frank Zappa, alla fine ti accorgi però che un filo comune lega tutto il lavoro dei Duran, è l’eleganza del suono sempre pulito e il perfetto mix di stili e gusti musicali, dato proprio dai musicisti che compongono il gruppo e da un Nick genio delle tastiere. Oggi i 5 sono di nuovo tutti insieme, per chi volesse godersi i primi due album in video può trovare anche i Dvd dove ci si accorge con sottile imbarazzo che sul palco suonano bene e davvero e che Simon è un leader carismatico, altro che Boyband.
Ed ora una considerazione personale riguardante il fatto che la musica dei Duran spesso confusa con il semplice pop è invece secondo me ricca di individualità artistica, poi non ci sarebbe recensione senza una critica ed eccovi accontentati: se da un lato suoni e ritmica sono curati alla perfezione dall’altro lato quella del cantato non è la stessa cosa, la voce di Simon le Bon unica e inconfondibile, attualmente anche tecnicamente migliore, risulta essere perfetta per certi brani, invece per altri è forse quella che può rendere meno impegnato un certo brano e renderlo più commerciale… questa la mia opinione.

Condividi
Articolo precedente15 marzo
Prossimo articoloCarta canta
Fabrizio Malvezzi
Oltre a vicepresiedere come si conviene a un vicepresidente, ci guarda dall'alto dei suoi 192 cm. La foto non tragga in inganno.