Navetta a perdere

Navetta a perdere

820
0
Condividi

Se non c’é ci lamentiamo se c’é non la usiamo

Buon martedì collegato

Da qualche mese l’isolamento di Mantova dal resto del mondo è diminuito perché un operatore privato ha pensato che collegare i centri isolati come il nostro con le tratte dei treni ad alta velocità potrebbe convenire.

Quattro corse giornaliere collegano la nostra città con la stazione ad alta velocità di Reggio Emilia con la formula pullman+treno.

Ieri eravamo in tre a sfruttare questa opportunità che permette di lasciare a casa l’auto, di essere portati sin davanti all’entrata della stazione in orario giusto, di ricevere un passaggio veramente attento ed entusiasta da parte dell’autista che parla del servizio come se fosse suo.

Un raro attaccamento in tempi in cui la norma è lamentarsi del lavoro quando c’é e continuare nel lamento continuo quando non c’è più, il lavoro.

Mi sono chiesto quanto durerà, e se durerà il servizio, con una richiesta così bassa di passaggi.

Non è una domanda retorica visto che tutti i tentativi di collegarci, a prezzi bassi o gratuiti con l’aeroporto Catullo e ultimamente con i parcheggi scambiatori del Campo Canoa e del vecchio palazzetto hanno poca fortuna e appeal.

Siamo fatti così. Se non c’é il servizio ci lamentiamo, se c’é lo snobbiamo.

A risentirci domani. Grazie

@robertostorti