‘Cultura alle quattro e un quarto’, il progetto del Cinema Oberdan per...

‘Cultura alle quattro e un quarto’, il progetto del Cinema Oberdan per gli over 65

541
0
Condividi

“Cultura alle quattro e un quarto” è un progetto dello storico Cinema del Carbone, giunto alla sua V edizione, e dedicato agli over 65 che comprende un’ampia e lunga rassegna cinematografica (e non solo), che prenderà il via il 27 ottobre e durerà sino al 27 aprile 2017.

Il cinema del Carbone quest’anno non è solo, nell’ideazione del programma perché collaborerà con l’associazione Amici di Palazzo Te e con l’Orchestra da Camera di Mantova per arricchire questa rassegna con visite guidate alla nostra città e concerti di musica da camera. Dunque, il giovedì e il venerdì alle quattro e un quarto verranno proiettati presso la sala Oberdan tutti i film che sono stati con cura scelti per questa edizione. Tutte le pellicole hanno respiro internazionale e permetteranno così di far viaggiare con la mente, un pubblico che non ne ha più la possibilità. E’ questo uno degli intenti del cinema, come ha dichiarato la presidente Benedetta Zecchini.

Tutto il programma si può trovare su www.ilcinemadelcarbone.it, oppure presso la sede stessa del cinema in via Oberdan 5 a Mantova.

Condividi
Articolo precedenteL’ultimo Rapporto dei rifiuti urbani e della Raccolta differenziata in provincia di Mantova
Prossimo articoloLa va mal…e pò la crés!
Federica Nota
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.