La va mal…e pò la crés!

La va mal…e pò la crés!

1204
0
Condividi

la partita vista da ciffo

È stato il dialogo che ho avuto con un mio vicino, a commento della nuova sconfitta del nostro Mantova. “La va mal” mi dice lui. “E pò la crés” rispondo io (con sdrammatizzante risata finale). In italiano (“va male e poi cresce”) non vuol dir niente, ma nel nostro dialetto è per definire una situazione critica in grave peggioramento. Da cosa poi derivi tale espressione, non saprei dire; forse da qualche piena del Po in preoccupante crescita. In ogni caso s’addice perfettamente alla situazione del povero Mantova, che, continuando a perdere, sembra essersi stabilizzato al penultimo posto in classifica, con soli 6 punti dopo 10 partite. Il paradosso è che gioca bene. Addirittura, il rosso mister parmense Apolloni riconosce che il Mantova gli ha “messo i brividi” (e per questo l’ho disegnato col gesto di chi ha provato “pomèlla”, come diciamo noi dopo uno spavento). Gli è che si tira poco in porta, pur avendolo fatto noi più di loro (6-4 “dentro” e 8-1 “fuori”).

Non per niente la prima occasione, al 21’, è nostra: gran testata di Marchi su punizione di Bandini, e paratona del nerovestito Zommers.

parmamn1Invece, alla prima occasione loro (37’) è gol: è quella buonanima di Calaiò che, al limite dell’area, in mezzo a un mucchio di biancorossi, offre a Melandri (1) che parte in tromba, ma (2) il fuoruscito Bonato riesce a parare a terra; la palla finisce sul piedino sinistro del neretto Baraye che segna a porta vuota.parmamn2bis

Il Mantova reagisce “a pieno organico”, come dimostra questa bella azione, subito al 43’: Cristini-Raggio-Marchi-Caridi-Bandini, che crossa per Zammarini, il cui destrone finisce nel curvone.

parmamn3Nel secondo tempo non so quante volte ho cantato: “gh’è nisün ca tira in porta, gh’è nisün ca tira in porta!”. E per onestà disegno la loro clamorosa occasione del 16’: il neretto Baraye (1) scambia con nonsochi per trovarsi (2) davanti al nostro Bonato, che gli devia il tiro: palla sul destro di tal Nunzella, che però trova Cristini salvatore sulla linea.parmamn4

Se non altro usciamo sotto d’un solo gol e, a quanto pare, tra gli applausi non solo dei nostri tifosi, ma addirittura anche di quelli parmensi. L’è na consolasión magra, ma l’è sémpar na consolasión.

 

Condividi