Blue Tongue: primo caso nel mantovano individuato a Ponti sul Mincio

Blue Tongue: primo caso nel mantovano individuato a Ponti sul Mincio

403
0
Condividi

Nonostante l’allerta e le misure preventive adottate nei mesi scorsi, la Blue Tongue è sbarcata in provincia di Mantova. E’ una malattia infettiva, la febbre catarrale che colpisce bovini e ovini, è stata riscontrata su un capo bovino in un allevamento di Ponti sul Mincio circa una decina di giorni fa, mentre poco prima un focolaio era stato individuato in provincia di Brescia, nel comune di Milzano, al confine con il cremonese.

La positività al sierotipo 4 (nel 2008 ci fu un caso di sierotipo 8 nel mantovano) è stata confermata dall’Istituto zooprofilattico di Teramo, che ha verificato il contagio dal virus in arrivo dall’est Europa. Con tutta probabilità si tratta di capi entrati dal Veneto, dove sono stati rilevati 368 focolai (25 in provincia di Verona). La conferma della notizia ha fatto scattare subito un decreto regionale da parte della direzione welfare, pubblicato pochi giorni fa. La Lombardia dunque ha istituito una zona di protezione (Z1) con raggio di 20 chilometri dal focolaio. Vi è poi una zona di sorveglianza (Z2), di 50 chilometri di raggio. La Z1 durerà per almeno trenta giorni dopodiché, se non verranno rilevati altri casi di Blue Tongue, si resterà in regime di Z2 per due anni (fino alla primavera 2019).

Ciò comporterà problemi per la circolazione del bestiame, come sottolinea Confagricoltura Mantova: «Gli allevamenti interessati, spiega il presidente Lasagna, sono circa 2.500 nel mantovano, e avranno l’obbligo di registrazione dei movimenti nella banca dati regionale entro 24 ore. Un limite pressoché impossibile da rispettare».

fonte: www.confagricolturamantova.it

Condividi
Articolo precedente“Cities for Life. Contro la pena di morte”, Mantova si tinge di rosso
Prossimo articoloMantova Eyes-Arezzo & Fotografia
Federica Nota
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.