Al via il progetto di bonifica Post Ies, Mantova primo caso italiano

Al via il progetto di bonifica Post Ies, Mantova primo caso italiano

473
0
Condividi

Partirà nei primi mesi del 2017 il progetto denominato “Sphere 2020”, un progetto sperimentale di bonifica Post-Ies che vedrà piantumare 1’110 alberi e 1’000 arbusti lungo via Brennero, in un terreno di 20 ettari dove oggi svettano ben 7 serbatoi Ies, un tempo adibiti a carburanti.

Via tutti i serbatoi, a favore di un vero e proprio bosco urbano: verranno piantumate piante selezionate per la loro capacità di assorbire i contaminanti del terreno, piante promosse a fitodepuratori, come salici, pioppi e tamerici, piante mai testate a questo scopo e che quindi rappresenterebbero il primo importante caso studio in Italia.

E’ un progetto promosso dal consorzio di cooperative sociali Sol.co Mantova, insieme al consorzio vivaisti europei di Canneto sull’Oglio, ed all’azienda Ecoval di Montichiari, con la preziosa collaborazione dell’Istituto Ibimet CNR di Bologna che assieme ad esperti di progettazione del paesaggio saranno sistematicamente ospiti a Mantova per monitorare l’andamento della bonifica.

Numeri e dettagli ce li ha raccontati ai nostri microfoni Manuela Righi, presidente della cooperativa Sol.co Mantova.

Condividi
Articolo precedenteNon lo abbiamo ancora vinto. Oggi giornata mondiale contro l’Aids
Prossimo articoloIl sillabario di Maria Vittoria Grassi
Federica Nota
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.