Farsi pagare. In Comune manca all’appello un 20% dell’atteso

Farsi pagare. In Comune manca all’appello un 20% dell’atteso

777
0
Condividi

Buon mercoledì pagante

Il Comune di Mantova si aspettava di mettere in cassa, per poi spenderli a favore nostro, immagino e spero, 30 milioni e invece se ne trova 24. Il 20% in meno.

Come per tutti i prestatori d’opera, in questo tribolato periodo, farsi pagare è la parte più difficile del mestiere che si è deciso di fare per realizzarsi o per sbarcare il lunario e il Comune, da quel che leggiamo, non fa differenza. Tra quelli che non pagano ci sono certamente coloro che non ce la fanno e, a differenza dei singolo privato artigiano, commerciante o professionista, il Comune non può non tenerne conto.

Le oggettive difficoltà, non sempre facili da verifcare, ci sono, ma non sono certo il 20% di tutto il dovuto e nemmeno il 50% di chi ha preso una multa in auto, in moto, in bici o a piedi. Una così alta percentuale di evasione, o elusione, o furbizia, credo dipenda molto dai sistemi di recupero e controllo che vanno decisamente rivisti, perchè, anche ad essere generosi, se il 10% di chi non paga è in oggettive difficoltà, l’altro 10% fa il furbino e i furbini, oltre ad essere antipatici, pesano su tutti gli altri che già pagano le diverse Imu, Tasi o Tari o come si sono inventati di chiamarle.

Recuperare i crediti sarà dura ma è necessario e doveroso.

A risentirci domani. Grazie

@robertostorti

Condividi