Parte la riqualificazione di Ponte Rosso: il progetto

Parte la riqualificazione di Ponte Rosso: il progetto

994
0
Condividi

Questa mattina (ndr, lunedì 30 gennaio) a Ponte Rosso ha preso il via il cantiere per riqualificare le aree del comparto dell’area, azioni propedeutiche al rilascio dell’agibilità dell’area.

Questo primo lotto di lavori, che per il Comune di Mantova comporta un investimento di 351.270 euro (+ iva) provenienti dalle fideiussioni versate dalla Cib 95, società proprietaria dell’area, ed escusse nel settembre 2015, permetterà di riqualificare le aree del comparto Ponte Rosso. L’intervento è stato promosso dall’assessore alla Rigenerazione urbana Lorenza Baroncelli, in collaborazione con gli assessori all’urbanistica Andrea Murari e ai Lavori Pubblici Nicola Martinelli.

L’area tuttavia, non rispetta la normativa sulla sicurezza imposta dalle Ferrovie dello Stato, per questa ragione verrà anzitutto posta una fascia alberata, necessaria per garantire la distanza minima tra l’area carrabile e i binari, così come prevede la legge. Per garantire una condizione idonea alla crescita e allo sviluppo delle alberature inoltre, la pavimentazione verrà sostituita da un terreno vegetale, che sarà trasformato in seguito in un’area verde, irrigata. Si eliminerà quindi l’asfalto oggi obsoleto al fine di restituire terreno permeabile.

Nel piano, è prevista anche la realizzazione di una recinzione vicino alla ferroviaria, che costituita da una rete in grigliato metallico alta 2 metri risulterà invalicabile. Attualmente la collinetta è completamente coperta da rovi e da specie arboree spontanee e infestanti, di scarso valore ecologico e paesaggistico. Su indicazione delle normative di protezione delle reti ferroviarie è necessario anche tagliare le ceppaie e pulire l’area con l’obiettivo di ridurre e rendere efficaci i futuri interventi di manutenzione. All’interno di quest’area verrà ricavata una pista ciclabile che si collegherà a nord con il marciapiede già esistente e a sud con l’attuale marciapiede ad est di via Gambarara. Nel progetto è previsto altresì un nuovo asfalto e la realizzazione di una nuova illuminazione pubblica sul percorso ciclabile. Saranno puliti i cordoli stradali.

Infine, è in programma il completamento delle pavimentazioni in asfalto che non sono state realizzate dal lottizzante. Saranno rimessi in quota i chiusini, saranno realizzate le nuove pavimentazioni con la segnaletica stradale orizzontale e verticale attualmente mancante.

I lavori sanno eseguiti dalla Emila Asfalti srl (San Felice su Panaro, Modena) e termineranno entro il 13 aprile di quest’anno. La responsabile del procedimento è Marcella Ghidoni, mentre il direttore dei lavori è Davide Zubbi. Ultimato il primo lotto, sarà aperto un nuovo cantiere per portare a termine i lavori del secondo che concluderanno l’intervento del piano attuativo.

Condividi
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.