Il Gran Carnevale di Mantova: tutti a corte Gonzaga

Il Gran Carnevale di Mantova: tutti a corte Gonzaga

1321
0
Condividi

Mantova si prepara per un carnevale a regola d’arte, un format nuovo firmato Segni d’Infanzia che farà aprire le porte di Palazzo Ducale e Palazzo Te a piccini e adulti.

“Quant’è bella giovinezza, / che si fugge tuttavia! / Chi vuol esser lieto, sia / del doman non c’è certezza”, cantava Lorenzo il Magnifico durante i grandi carnevali di Firenze”

Da quest’anno il carnevale si fa in due: per la prima volta due feste di carnevale porteranno colore e magie nei palazzi principali di Mantova che si declineranno in accordo con le proprie nature.

Nabuzardan Sabato 18 Febbraio. A Palazzo Ducale, abitato e di rappresentanza, dove la quotidianità era allietata da musici, artisti, pittori e saltimbanchi oltre che da ricevimenti istituzionali, l’appuntamento è per sabato 18 febbraio con “Maghe, Nani e Giganti”. Questo il titolo dell’evento che si rifà agli abitanti del Palazzo, ai miti e alle storie che lo abitavano come quella della maga Manto. Il programma spazia tra diverse proposte artistiche e prevede la presenza dei Nani Rossi acrobati che sotto gli occhi increduli dei bambini si trasformano in giganti con mirabolanti acrobazie. E l’immancabile trucco che prende i colori dei Gonzaga, l’oro e il nero, per preparare tutti i partecipanti alla parata in costume attraverso le antiche sale del Palazzo.

Sabato 25 febbraio sarà invece la volta di Palazzo Te dove ormai da tradizione torna il “Nabuzardàn”, dedicato agli animali fantastici. Tutto avrà inizio dalle h 15 con una parata di biciclette travestite da creature magiche che convergeranno verso l’Esedra di Palazzo Te. Dalle h 15.30 gli artisti animeranno le sale della villa giuliesca, in un percorso tra narrazioni sorprendenti e creature straordinarie. In sala di Apollo e ala napoleonica due postazioni con quattro truccatrici per soddisfare tutti, bambini ed adulti con trucchi fantastici. In sala Cavalli FEFE, l’equilibrista che danza sulla luna. In equilibrio su una leggerissima struttura di carbonio a forma di luna basculante l’acrobata esegue virtuosismi sul filo poetici e strabilianti. Nel giardino dell’Esedra Andrea Zerbini con monociclo, diablo e clavette si esibisce nella scenografia di bici travestite da animali fantastici, tra cui curiosa carrozzina con dentro un animale fantastico realizzato in 3D da Helpy Technology e i ragazzi del Politecnico con le stampanti tridimensionali dell’officina creativa Santagnese10. In tema con gli animali fantastici si esibirà Cecia la donna serpente completamente tatuata che si arrotola e srotola dal palo cinese con movimenti che sfidano la forza di gravità. L’Ala Napoleonica ospita Amelia Amalia, due trasformiste che si trasformano in sirene che cantano e incantano. Infine Andreanna, la donna con i cerchi un’acrobata con l’hula hop davvero incredibile.

Gli Organizzatori in conferenza stampaLa ciclofficina degli animali fantasticiLa parata sarà costruita – letteralmente – insieme a te. Grazie al progetto “Epicentro culturale diffuso Valletta Valsecchi” tutti possono partecipare al Carnevale come protagonisti della parata di bici, dall’ideazione alla costruzione. Per farlo, abbiamo immaginato di dividere il lavoro di preparazione in due momenti/laboratori, con una durata totale di 2 ore e 20 minuti circa (se sei bravissimo anche meno o forse di più… vieni a scoprirlo con noi). Puoi scegliere quando venire a trovarci nella ciclofficina degli animali fantastici di Valletta Valsecchi in Spazio Gradaro, a seconda della tua necessità. 

Calendario d’apertura ciclofficina animali fantastici:
1. Per la realizzazione sagoma colorata da installare sulla bici puoi venire a trovarci in ciclofficinail sabato 11 febbraio dalle 16.30 alle 18.30 oppure il giovedì 16 febbraio dalle 17.00 alle 19.00. (per realizzare la sagoma servono circa 2 ore)
2. Per realizzazione sagoma e montaggio su bici (o solo montaggio se sei già venuto a trovarci prima) il 22- 23- 24 febbraio dalle 16.00 alle 19.00.
3. Solo montaggio il sabato 25 febbraio dalle 11.00 alle 12.30(solo installazione tempo necessario 20 minuti.

Per essere sicuro di trovare posto manda un sms o un messaggio whatsup, mail o messaggio facebook a Segnidinfanzia (0376 1511955- cell. 349/6402142)- o mail segnidinfanzia@gmail.com – così ci prepariamo ad accoglierti. E non dimenticare di portare anche il tuo caschetto: anche se la parata si muove lentamente… La sicurezza innanzitutto!!!

Ricorda: chi partecipa alla parata oltre a divertirsi un mondo avrà ingresso gratuito a Palazzo Te per il Nabuzardan. Se non puoi venire in bici puoi entrare sicuramente a Palazzo Te e goderti lo spettacolo, biglietto adulti 5 €, bambini 1€. Hanno contribuito alle fasi di preparazione della parata gli Scarponauti Festival, Fiab Amici della bicicletta di Mantova, Age Mantova, Arci Fuzzy e Pedibus Millepiedini, insieme ai partner che hanno attivamente partecipato all’ideazione e creazione dell’evento in accordo con gli obbiettivi del progetto Epicentro. Le informazioni sull’evento sono anche in giro per la città: in Valletta Valsecchi le trovate con I disegni realizzati dai bambini della ludoteca nei totem parlanti diffusi in biblioteca.

www.segnidinfanzia.org

Condividi
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.