Un meş e meş un po’ trop griş

Un meş e meş un po’ trop griş

1146
0
Condividi

la partita vista da Ciffo

Traduzione letterale: «un mezzo e mezzo un po’ troppo grigio». Per gli inesperti bisogna forse aggiungere una traduzione di senso: “mezzo e mezzo” sta per pareggio e il grigio, oltre che significare “incolore” e “sottotono”, si riferisce al colore delle maglie del Teramo; che, soprattutto nel primo tempo, ha imbrigliato a dovere il Mantova, privandolo dell’agognata vittoria. Non ci resta che accettare il punticino, ch’l’è sémpar mèi che gnint (sempre meglio che niente). Restiamo comunque, per un punto (appunto), in zona salvezza. Contentémas.

Primo tempo grigiastro, e sono proprio i grigi a sfiorare il gol con questo “pallonetto” d’un tale Spighi, che per nostra fortuna finisce alto. Era il 43’. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Durante l’intervallo il Ciccio dev’essersi fatto sentire e nella ripresa si vede un altro Mantova, che subito all’11’ costringe il teramese portiere Narciso a una bella parata, su punizione del nostro Cittadino. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Cinque minuti dopo il Narciso si deve ripetere su fucilata di Di Santantonio, servito da Marchi che, di petto, gli mette sui piedi un bel cross di Donnarumma. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Ma l’occasionissima arriva al 23’, quando il neoentrato Smith (1S) (métal sü prima, Ciccio!), frega il Narciso in uscita su lancio sempre del Donnarumma, e indirizza la palla verso la porta vuota; sembra gol fatto e tutta la curva si alza in piedi, così che non si vede più niente, e ci si aspetta che il pallone finisca in rete; macché, il grigio 23 Caini, partito (1C) quasi alla pari di Smith, piomba sulla linea prima del pallone (2C) e di Smith (2S) (che forse aveva rallentato, ormai sicuro del gol) e salva la baracca teramese, facendoci skankerare in mantovano. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Al 30’ è però il prode Tonti a salvare la nostra di baracche, togliendo pulito pulito il pallone dai piedi del N° 10 Sansovini, scattato “sul filo del fuorigioco” (la Voce) su un lungo lancio di un grigio difensore. E con questo, sembra proprio che il pareggio non sia poi così malvagio. (clicca sul disegno per ingrandirlo) 

Condividi