Pistola. Dal giudice al derubato tutti vogliono armarsi

Pistola. Dal giudice al derubato tutti vogliono armarsi

641
0
Condividi

Buon mercoledì pistolato.

Dal giudice che dice di volersi armare perché “non c’é più lo Stato”, al venditore di moto Guidizzolese, derubato per l’ennesima volta, che sostiene che si armerà, é tutto un inno, pericolosissimo, alla giustizia fai da te, se possibile con ferito, meglio se morto e senza fare prigionieri.

Al giudice che si lamenta dell’assenza dello Stato, che peraltro ha giurato di servire, é opportuno ricordare che lo Stato “che non c’é” si presenta tutti i mesi sotto forma di bonifico sul suo conto corrente, con un importo mensile che é almeno 6 volte quello di un operaio, tanto per dare dei parametri di capacità di spesa.

Al venditore di moto é opportuno ricordare che in democrazia l’uso della forza é delegata allo Stato e solo allo Stato.

Ricordare sani principi di democrazia non é mai un esercizio inutile contro la barbarie della giustizia fai da te.

A risentirci domani. Grazie

@robertostorti