Lucia Annibali: ho bisogno di medici, gentilezza e affetto

Lucia Annibali: ho bisogno di medici, gentilezza e affetto

1057
0
Condividi

“Sentivo il rumore dell’acido solforico sul mio volto: in quel momento scegli se vivere o morire (…). Ogni volta che si vive un dolore, bisogna fare leva sulla speranza…”

Sono solo alcune delle preziose parole che ieri Lucia Annibali ha regalato agli studenti mantovani degli Istituti Carlo d’Arco e Fermi, durante la loro assembla d’istituto a Teatro Ariston, dove è stata invitata a intervenire per raccontare la sua storia simbolo della violenza sulle donne. E’ arrivata da Roma, insieme al suo medico di fiducia, che oramai da quattro anni, da quel terribile 16 aprile 2013, la cura e la sostiene.

Quella sera di quattro anni fa, il volto dell’avvocatessa di Pesaro è stato sfregiato da due albanesi, che hanno fatto capolino dentro il suo appartamento, mandati dall’ex amante Luca Varani, ora in carcere, condannato a 20 anni dalla Cassazione. Oggi Lucia Annibali è diventata simbolo di forza, speranza e vita per tutte le donne che si ritrovano a vivere questi tragici eventi, Lucia collabora attivamente con il Ministero delle Pari Opportunità a Roma per creare piani d’azione efficaci e di supporto per tutte le vittime di violenza.

“Al primo medico che mi ha soccorso, in ambulanza, continuavo a chiedere se mai fossi tornata a riavere il mio volto…”

Numerosissime domande sono arrivate dai ragazzi in platea, in particolare dai maschi, che saranno i compagni, i mariti e i padri di domani.

Nel servizio riportiamo stralci dell’evento, e Lucia Annibali ai nostri microfoni. 

Condividi
Articolo precedenteIl sillabario di Maria Vittoria Grassi
Prossimo articoloFifth Avenue – Ventiquattresima Puntata: la fantascienza di Mise en Abyme, cortometraggio in 3D
Federica Nota
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.