Vivi Valletta Valsecchi! La festa domenica 9 aprile

Vivi Valletta Valsecchi! La festa domenica 9 aprile

1004
0
Condividi

Domenica 9 Aprile l’appuntamento è in Valletta Valsecchi alla Festa Vivi Valletta Valsecchi per celebrare l’inizio della primavera, e sperimentare la cittadinanza attiva grazie al coordinamento di diversi gruppi che collaborando si prendono cura di un spazio comune e in questa edizione a sperimentare una nuova disposizione: non sarà più sulla piazza ma tra il portico di via Ariosto e il Parco Baden Powell.

Non sarà Arci Fuzzy a gestire la somministrazione, ma direttamente gli esercizi commerciali esistenti sulla piazza, appositamente aperti per l’occasione.

Nell’arco della giornata, dall’alba al tramonto, animeranno la piazza il mercatino del broccante, con i suoi banchi di usato e curiosità dal passato. Molti mantovani potranno improvvisarsi «brocanteur» e vendere la merce ritrovata nelle proprie cantine e soffitte. Al mercatino può partecipare chiunque versando 5 euro (con tessera Arci da farsi sul posto). I partecipanti devono portarsi tavolo ed eventualmente un gazebo. Per informazioni ed iscrizioni occorre contattare gli organizzatori telefonando al numero 3466758464.

Per pranzo, nella sagra di tavolate organizzata sul marciapiede e nel parco Baden Powell e si potrà gustare la pizza di Denis Pizza Express, o bere qualcosa preso al Bar Copacabana, o all’alimentare tunisino, o al bar di Caterina. Un modo questo per sostenere l’attività economica del quartiere.

Arci Fuzzy accoglierà gli aventori in via Mozart, dove avrà un banchetto di Broccante per raccogliere fonti, e orienterà gli avventori tra le attività della giornata.

Nella mattinata nel Parco, la associazione Box Mantova, da quasi vent’anni attiva nella Palestra Boni del quartiere per insegnare lo sport della Box, farà una dimostrazione aperta a tutti, e con la collaborazione della Cooperativa Alce Nero permetterà ad alcuni ragazzi richiedenti asilo di provare questo sport.

Nella mattina William Lugli un residente volontario proporrà un laboratorio per bambini facendoli colorare.

Nel pomeriggio tante attività gratuite dedicate ai bambini grazie al coordinamento delle realtà che nel quartiere si occupano di infanzia. Il tema ispirato dal simbolo 2017 del Festival Segni di Infanzia: la Chioccola.

Si parte dal punto accoglienza Arci Fuzzy di via Mozart alle ore 15.0,0 per un percorso in quattro tappe, dove i bimbi prepareranno la propria chiocciola e la riempiranno lungo il percorso distribuito nl parco.

Coordinamento a cura di Arci Fuzzy, Segni d’Infanzia, Alce Nero, Scout Cngei, Alle 17.00 sarà offerta una merenda a tutti i bimbi partecipanti grazie ai contributi di Conad, minimarket “l’angolo di Varena”, panificio Lancerotto e alcune residenti.

La piazza e il Parco sono stati interessati negli anni da diversi interventi di Trasformazione del progetto Decoriamo Valletta.

Nell’arco della giornata saranno organizzati 3 “tour in quattro tappe” dove alcuni residenti volontari accompagneranno gli avventori a scoprire e conoscere i murales disegnati (dismisiat, sottopasso, torretta, panettoni).

Ritrovo al punto accoglienza Arci Fuzzy in via Ariosto, partenze alle ore 12.00, 15.00 e 16.30, durata del giro 40 minuti.

Inoltre sarà attivo tutto il giorno il mercatino di Arci Fuzzy i cui proventi saranno interamente dedicati a sostenere le spese necessarie per l‘organizzazione della festa e a costituire, nel caso di esuberi, un piccolo fondo da dedicare alle future feste di quartiere e alla manutenzione dello spazio verde del piazzale.

Condividi
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.