Muoviamo l’educazione: APAM continua la sua lotta a bullismo e vandalismo

Muoviamo l’educazione: APAM continua la sua lotta a bullismo e vandalismo

579
0
Condividi

“Muoviamo l’educazione” è un progetto firmato APAM spa iniziato a novembre 2016 in sinergia con l’associazione ARGE e le forze dell’ordine di Mantova. Ha coinvolto 11 istituti e 2000 studenti per sensibilizzare i giovani su una concreta mobilità sostenibile, evidenziando i vantaggi dell’utilizzo del mezzo pubblico per educarli al rispetto del bene pubblico e degli altri, prevenendo fenomeni di vandalismo e bullismo.

Una indagine, realizzata da ARGE, che ha permesso di mappare tutti i fenomeni di prepotenza che si verificano all’interno del mondo scuola, di cui fa parte naturalmente anche il pullman.

Nel lavoro che ha visto protagonisti i ragazzi ci si è concentrati sulla ricerca di possibili soluzioni, non solo ai fenomeni di bullismo ma anche al vandalismo a bordo dei mezzi pubblici, e si è ragionato su come incentivare un uso più attento della mobilità sostenibile: le proposte degli alunni saranno oggetto di valutazione nelle prossime settimane, e verranno infine presentate nell’APAM OPEN DAY in programma il prossimo 12 maggio.

Condividi
Articolo precedenteSerenate notturne al parco Bertone
Prossimo articoloApre il primo “Sportello di Vicinato” a Mantova: tra regole, legami e relazioni
Federica Nota
Classe 1990 e una vita piena di paradossi. Da bambina non parlavo con nessuno, da grande ho preso un po’ di lauree in comunicazione e media, e ne ho fatto il mio mestiere, che adoro. Ho vissuto per qualche anno all’estero: la Svizzera mi ha adottato e la Spagna mi ha abbracciato, ma l’Italia rimane il mio nido. Racconto il mio territorio, conoscendo quello che sta al di là delle dogane. Ma dato che sono cresciuta a sbrisolona e Sailor Moon - Paladina della giustizia, tra le altre, mi occupo anche di mediazione interculturale e libertà civili. Qualcuno a volte, mi definisce Don Chisciotte contro i mulini a vento. L’ironia e la libertà sono gli unici modi che conosco, e sono quelli che voglio comunicare ai microfoni di Radiobase. Il mio motto? Sii te stesso, tutti gli altri sono già occupati.