Non bruciate la “vecia”

Non bruciate la “vecia”

198
0
Condividi

Buon venerdì salubre

Che i fuochi all’aperto generino polveri sottili non c’è bisogno di spiegarlo, basta aver visto, solo una volta, una pira bruciare.

Che le polveri sottili siano al limite da giorni e giorni e che solo una ventatina ci ha salvato dal blocco quasi totale del traffico (sino agli euro4),  nella giornata di ieri, non mi sembra sia motivo per autorizzare i fuochi pubblici per bruciare la vecia.

I Sindaci, secondo il nostro ordinamento, sono i primi responsabili della nostra salute, infatti, proprio per tutelare la nostra salute possono imporci di lasciare a casa l’auto, di abbassare il riscaldamento di casa nostra a 19º e tante altre misure.

Credo che autorizzare i fuochi all’aperto nel prossimo fine settimana sia, certamente, un venir meno alle loro funzioni di controllo della salute.

A Porto Mantovano hanno rinunciato ai roghi, a Borgo Virgilio, almeno sino ad oggi, ce ne saranno ben quattro, a Revere brucerà la torre e altrove, si brucerà di tutto per interrogarsi sul futuro, comunque facile da prevedere sopra la soglia di attenzione di 50 mg/m3 per le polveri sottili.

Gli esempi negativi, trascinano più dei positivi.

A rileggerci alla prossima occasione. grazie.

@robertostorti