Alla guida ebbri o al telefono

Alla guida ebbri o al telefono

387
0
Condividi

Buon mercoledì controllato

Tra i vari dati snocciolati dalle autorità circa la nostra sicurezza, mi ha colpito il numero crescente di automobilisti a cui è stata ritirata la patente per guida in stato di ebrezza.

Nel 2018 sono stati 382 contro i 314 dell’anno precedente.

Manca il dato dell’uso disinvolto del telefonino, mentre si è alla guida.

Mi sembra di poter dire che, da parte dei controllori ci sia un certo lasciar correre relativamente all’uso del telefono se persino autisti dei mezzi pubblici, ben visibili da tutti, non solo dai trasportati, usano disinvoltamente il telefonino, senza auricolare, ma tenendolo con una mano e guidando con l’altra.

Non c’è bisogno di nessun appostamento, basta mettersi comodamente a bere un caffè all’aperto davanti al teatro sociale di Mantova e la scena di autisti che arrivano o partono, nella piazza antistante, telefonando, si può verificare.

Se nonostante il rischio di ritiro della patente, con conseguente perdita del lavoro, non spaventa, è segno della quasi certezza che statisticamente il controllo sia da parte dell’Azienda sia di Polizia, Carabinieri e Vigili, non c’è o è blandamente elastico.

Tutti noi diventiamo virtuosi, se controllati, altrimenti tendiamo alla inosservanza.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

Condividi
Articolo precedenteI giorni della Merla
Prossimo articoloSiamo zona depressa