A vinsi mi, ma ’t vinsi anca ti, e sém sémpar lì

A vinsi mi, ma ’t vinsi anca ti, e sém sémpar lì

116
0
Condividi

la partita vista da Ciffo

Traduzione: “vinco io, ma vinci anche tu, e siam sempre lì” (naturalmente in dialetto è un’altra cosa). Spiegazione: dialogo immaginario tra Mantova e Como, in lizza per la vittoria di questo benedetto campionato, col Mantova avanti d’un solo punto. Vince il Mantova, ma vince anche il Como, e la situazione, a 6 giornate dal termine, resta invariata. Dunque, “maimolàr” e bala avanti!

9’. Ci danno un rigore (atterramento di Altinier) e sém tanto abitüà a titàri ch’al sbagliéma. (clicca sul disegno per ingrandirlo). NB. Nel filmato non si vede il tiro di Minicleri, dunque l’ho disegnato basandomi sulla descrizione dei nostri quotidiani.

Passano 2 minuti e siam sotto: cross d’un tal Mosca che colpisce (sembra per caso) tal Ruggeri e pallonettone-gol. (clicca sul disegno per ingrandirlo).

Pareggio al 33’. Ancora rigore (mani in area) e stavolta tira Ferri Marini che spiazza il nerovestito portiere. (clicca sul disegno per ingrandirlo).

Al 9’ del secondo tempo, Mantova in vantaggio: Baniya per Alma, che (1) frena e (2) crossa: lo Scotto piomba anticipa e palloneggia. (clicca sul disegno per ingrandirlo).

Passano i soliti 2 minuti e prendiamo la seconda pera su corner e incornata d’un tal Capelli. Ma i radiocronisti assicurano che il pallone era stato posizionato ben fuori dalla lunetta. Ocio, era capitata la stessa cosa domenica scorsa al Martelli, e anca lì ém ciapà gol). (clicca sul disegno per ingrandirlo).

Il gol vittoria al 29’, opera del Cuffa appena entrato: gran testata su bel cross del Minicleri. Alé alé! (clicca sul disegno per ingrandirlo).