Mantova curiosa: Ogni mese ha i suoi proverbi

Mantova curiosa: Ogni mese ha i suoi proverbi

181
0
Condividi

La mia Mantova curiosaha, appunto, curiosato in questo giorni tra i proverbi del mese di Aprile (ogni mese, in una comunità contadina, in particolare, ha i suoi detti popolari, tutti rigorosamente basati sull’esperienza centenaria di chi vive di persona il mutare della stagioni e i colori della terra).

Anche aprile è molto proverbioso: L’acqua d’aprile riempie il fienile(proverbio purtroppo ormai molto datato!), In aprile mette le foglie anche il manico del badile(proverbio simpaticamente metaforico) eAprile non ti svestire(proverbio molto saggio).

C’è poi il proverbio e la filastrocca del Cucco (cuculo), uccello che sembra fosse molto ascoltato come precursore di buone o cattive annate. La filastrocca dice così: “Al cinque d’aprile il cucco deve venire; se non viene ai sette o agli otto o ch’é perso o che è morto; se non viene al dieci s’è perso per le  siepi; se non viene ai venti s’è perso nei frumenti; se non viene ai trenta l’han mangià con la polenta!

Voglio ricordare infine un ultimo antico proverbio d’aprile che recita:”Chi vuole bachi a S. Marco li metta a S. Zeno” : cioè chi vuole allevare bachi da seta, metta ad incubazione le uova per S. Zeno (il 12 aprile) perché poi, per S. Marco (il 25 aprile), possa dare inizio all’allevamento vero e proprio.

Ricordo che l’allevamento del baco da seta (i cavalér, in mantovano) è antichissimo e si fa risalire all’intuizione di un’imperatrice cinese fin dal 2700 A.C.

Nelle nostre zone l’attività dell’allevamento del baco ebbe molta importanza fino al ‘900 e, spesso, i proventi di questa attività servirono a rimpinguare le magre risorse pecuniarie dei contadini e delle loro donne. Alcuni (diversamente giovani) lettori si ricorderanno anche di aver visto e appreso, a scuola, la storia del baco da seta e lo stupefacente miracolo del filo di bava uscito dai bozzoli. C’era poi, nella storica Mantova di un tempo, il luogo del mercato dei bozzoli, sostituito ora dal Museo Archeologico Mantovano.

Grazie se mi avete letto e alla prossima Mantova curiosa!

M.Vittoria Grassi

Immagine: Ex mercato dei bozzoli Mantova