Artisti e imbrattatori

Artisti e imbrattatori

342
0
Condividi

Buon martedì artistico

Sono convinto che molti proprietari amerebbero che Banksy “imbrattasse” la facciata della loro casa che, oltretutto, come già successo, schizzerebbe a prezzi inimmaginabili.

Sono altrettanto convinto che non sarebbero contenti quando imbrattatori, che forse domani potrebbero diventare noti, si esibissero, sulla facciata della loro casa, costringendoli a spendere per ripulirla.

Credo che la differenza tra un artista, e un imbrattatore sia nella capacità dell’artista di comunicare emozioni e messaggi non solo alla stretta cerchia di amici, con quanto disegna, schizza, dipinge o spruzza.

Alla stazione di Sermide, servita dai treni della Tper, acronimo di Trasporto Passeggeri Emilia Romagna, sono stati fermate due persone che si sono definite “artisti”, che avevano imbrattato esternamente una carrozza e una automotrice di un treno parcheggiato.

I Carabinieri, allertati da alcuni passanti, li hanno beccati con le bombolette di spray in mano e, ora, dovranno rispondere di “deturpamento e imbrattamento di cose altrui”.

Un conto é imbrattare o dipingere la parete della propria caverna, un conto é imbrattare cose altrui, con la differenza, detta prima, tra chi genialmente comunica e chi sparge vernice su pareti e cose.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

Immagine: opera di Banksy

Le immagini del treno sono tratte dalla Ed on line della Gazzetta di Mantova

Condividi
Articolo precedenteMorti in occasione di lavoro
Prossimo articoloCi guadagna solo uno