Giustizia lenta, a pagare

Giustizia lenta, a pagare

151
0
Condividi

Buona giornata saldante.

I Comuni hanno l’obbligo di fornire strutture per l’Istruzione, la Sicurezza, la Giustizia.

Scuole, Caserme e Tribunali devono essere forniti dalla comunità che li ospita ma le spese sarebbero (notare il condizionale) a carico dei rispettivi Ministeri.

Purtroppo non é così.

Di fronte ad una certa rapidità nell’esigere, soprattutto i pagamenti dovuti dai cittadini, non c’é la stessa rapidità nel ripagare le comunità di cui i cittadini fanno parte.

Il Ministro della Giustizia, deve al Comune di Mantova più due milioni e mezzo (2.760.000) per lavori svolti e regolarmente già pagati, nelle sedi mantovane in cui si somministra la Giustizia, tra il 2011 e il 2015.

Un primo tentativo di pagamento, diciamo così, é stata la richiesta del Ministero, di ridurre il debito del 33% e di saldare in 30 anni, forse sperando anche in un po’ di erosione inflattiva.

Il Tar, a cui l’attuale Giunta mantovana é ricorsa, assieme ad altri Comuni nella stessa situazione, nel maggio scorso, ha dato torto al Ministero di cui é parte, il quale dovrà pagare l’intero debito e senza dilazionare in un terzo di secolo.

Dalla sentenza, solo silenzio, soprattutto bancario.

L’esempio trascina.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

#FotoNONmie tratte dalla rete