Col Fiorenzuola l’è sémpar cla fola

Col Fiorenzuola l’è sémpar cla fola

69
0
Condividi

la partita vista da Ciffo

Sempre quella storia: il Mantova segna molti gol ma ne prende anche molti, troppi e per giunta “stupidi”. È vero che siamo ancora imbattuti e in testa con 5 punti di vantaggio; ma è anche vero che la partita con l’inseguitrice Fiorenzuola doveva e poteva esser vinta, col conseguente “allungo” in classifica. Nossignore, s’è addirittura rischiato di perdere: infatti, il mister Tabbiani (espulso) reclama per il 2-2 del Mantova segnato “fuori tempo”.  Elora? L’è sémpar cla fola: il mal della difesa, dove il Brando non è ancora riuscito a por rimedio, anche se lui dice che “siamo lo stesso Mantova dell’avvio di stagione e giochiamo lo stesso calcio”. Sarà, ma non è bello per noi poveri tifosi andar in ansia tutte le volte che il pallone arriva dalle parti della nostra area.

E allora passiamo ai disegni, “che è meglio”, come diceva il grande puffo.

4’. Ancora una volta, al primo affondo ci infilzano come tordi: è tal Bollini che (1) riceve e (2) ci bolla impietosamente. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Non fa in tempo a passare un minuto che è la traversa a salvarci dallo 0-2. Adorni, che non può niente (1) sul tiro dello scatenato Bollini, raccoglie sul rimbalzo (2). (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Il pareggio arriva solo al 42’, opera di capitan Altinier, servito da Pavan. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Ma non si fa in tempo a gioire, che bisogna scancheràr di nuovo: tal Corbari per Tognoni che, (1) in fuori gioco secondo i nostri ma non secondo l’arbitro, infila (2) Adorni in uscita. È il 43’. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

In recupero, fuori tempo secondo il mister fiorenzuolo, Lisi ripareggia su passaggino di Altinier. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Al 15’ del secondo tempo la cosa più bella della partita: Scotto (1) imperversa sulla sinistra, gli vanno addosso due o tre omini neri, e lui passa al Mazzotti che ricambia offrendogli un pallonetto che fa rima con perfetto, e lo Scotto (2) porta il Mantova in vantaggio. Alé! (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Ma al 28’, èccovi il 3-3: tiro, rimpallo, e tale Arrondini, in fuori gioco secondo i nostri ma non secondo l’arbitro, è più svelto di Adorni e il palloncino finisce nel taschino. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Nota del disegnatore: o abbiam preso due gol in fuorigioco, e hanno sbagliato segnalinee e arbitro; o i fuori gioco non c’erano, e i nostri difensori devono imparare a mettere in avanti i piedi anziché in alto le mani. In ogni caso, la difesa sembra proprio mancare d’esperienza.

Al 38’, anche il Mantova colpisce la traversa con gran testata del giovin Haveri. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Paregio ad goi e paregio ad traverse: püsè paregio d’acsì!

Condividi
Articolo precedenteIpocrita incolpare la natura
Prossimo articoloSanità: prevedere e programmare