Primi in Lombardia per Neet

Primi in Lombardia per Neet

279
0
Condividi

Buon lunedì ricercante

Ieri si parlava dei giovani che emigrano, oggi si parla, invece di chi rimane e non fa nulla per studiare, cercare di lavorare o lavorare proprio.

Si chiamano Neet (not in employment, education and training) e sono stati censiti da Anpal, l’Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro che ci dice che Mantova é la provincia Lombarda che ne ha di più.

I giovani tra i 15 e i 29 anni che hanno smesso di studiare e non intendono farlo, che non cercano in nessun modo un lavoro e che non lavorano, sono, da noi, il 19%, il dato più alto della Regione. Il più basso é Lecco con il 12%.

Di sicuro la scuola ha qualche colpa non avendoli ben motivati, i centri per l’impiego pure perché non facilmente individuabili o avvcinabili, ma una buona parte di responsabilità, e colpa, viene dalla famiglia, allargata ai nonni che “finanziano” questa terribile apatia alla formazione e al lavoro; apatia che difficilmente diminuirà mentre inevitabilmente, per estinzione naturale, finirà il finanziamento familiare.

Problema, anche sociale, non da poco.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

#fotoNONmie tratte dalla rete. Immagini di repertorio.

Condividi
Articolo precedenteEmigrano a nostra insaputa
Prossimo articoloTri goi e via andare!