La spesa sospesa come il caffè sospeso

La spesa sospesa come il caffè sospeso

320
0
Condividi

Buon martedì sospeso

A Napoli hanno inventato, imitato poi in altre parti del mondo, la tradizione del caffè sospeso.

Entri un un bar, bevi un caffè, ne paghi due, lasciando in sospeso la consumazione per chi entrerà e, non potendoselo permettere, potrà sorbire proprio quel caffè pagato e lasciato in sospeso.

Sempre a Napoli, in questi giorni, sono comparsi cestini pieni di frutta o verdura o pacchi di pasta e chi può, mette altri prodotti, chi ne ha bisogno, ne preleva.

A San Silvestro, nella nostra provincia, un piccolo supermercato adotta l’idea della “Spesa Sospesa”, simile a quella del caffè, in cui si comprano prodotti, ma non si portano tutti a casa, lasciandone in un carrello, affinché chi ritiene di averne bisogno, li prenda.

Soprattutto nei piccoli negozi di vicinato, dove si sanno e conoscono bene le difficoltà economiche pregresse dei clienti, che possono solo essere peggiorate in questi giorni, lasciare una spesa in sospeso in merce, in denaro, magari non ritirando il resto, è possibile alleviare solitudini non solo fisiche.

La generosità ripaga sempre, magari come non ci aspettiamo, ma ripaga.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

#FotoNONmie Immagini di repertorio tratte dalla rete.