I meloni maturano, le braccia mancano

I meloni maturano, le braccia mancano

244
0
Condividi

Buon venerdì raccogliente

Questa pandemia sta spazzando ogni luogo comune alimentato dalla propaganda di parte.

L’eccellenza sanitaria Lombarda è stata scalzata da quella Veneta che non ha buttato alle ortiche, nel tempo, tanto quanto la Lombardia e, infatti, i risultati diversi si vedono contando i morti lasciati sul campo.

Gli immigrati, quelli che portavano via il posto agli italiani, sono ora invocati perché ritornino, altrimenti, i meloni, le angurie, l’uva e la semplice insalata rimarranno a marcire nei campi o sulle piante.

Gli imprenditori, che a quanto dicono, usavano le quote di immigrati stabilite per legge, ora implorano dall’Europa l’autorizzazione a creare corridoi verdi per fare arrivare braccia, se possibile professionali e che conoscano il non facile mestiere, per salvare la produzione, i raccolti, l’economia e noi consumatori senza orto dietro casa.

Ci voleva una nanometrica pallina da golf, infettante, a riportarci di colpo alla realtà delle cose e alle nostre singole responsabilità.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

#fotoNONmie Immagini di repertorio