Rinunciano alle feste popolari a favore dei ristoranti

Rinunciano alle feste popolari a favore dei ristoranti

217
0
Condividi

Buon venerdì etico

I ristoratori faticano a riprendere, forse più di tutti, anche se la classifica dei disagi è molto corta.

In questa fase, alcune associazioni di volontariato, hanno annunciato di rinunciare, per questa estate, alle loro tradizionali feste popolari o incontri a cena, usati, negli scorsi anni, come autofinanziamento.

La scelta ha una motivazione etica e di attenzione nei confronti di un comparto, quella del food, che, tra mancanza o scarsità di turismo e misure di contenimento e protezione da prendere, soffre e soffrirà molto più di altri settori.

E’ una scelta etica, e di attenzione, che anche molte false sagre e feste di finti confronti tra cibi, dovrebbero prendere e, se non sono così sensibili da farlo, non dovrebbero essere autorizzate, almeno per questa estate, così diversa dalle precedenti e, speriamo, diversa dalle prossime.

L’elusione fiscale a cui le false sagre puntano, se può essere tollerata in tempi di vacche grasse, deve essere bandita in questa difficile fase economico-sociale.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

#fotoNONmie Immagini di repertorio