Ciclista: amico fragile

Ciclista: amico fragile

72
0
Condividi

Buon mercoledì fragile

Le statistiche servono per capire non i singoli eventi ma la loro totalità e complessità.

L’Assessore al traffico e il comandante dei Vigili urbani di Mantova hanno illustrato l’andamento calante del numero di incidenti nel 2019.

Unico dato in crescita: gli incidenti che coinvolgono ciclisti.

Diciamo subito che dai dati, dei 58 incidenti certificati e rilevati, in 29 casi (cioè giusto il50%) la colpa è dei ciclisti.

In una fase in cui viene, anche economicamente, incentivato l’acquisto e l’uso di bici, è importante segnalare che il “birota” è più fragile delle 4 ruote e che non è un intruso della strada ma un utente da rispettare, proprio per la sua fragilità.

Sulla strada devono avere la precedenza i bipedi, poi i “birota” pedalanti, assistiti o motorizzati, poi le quattro ruote, poi le sei ruote, ma non l’inverso.

Che poi tutti non si debba andare contromano, si debba dare la precedenza, si debbano usare le protezioni, si debba superare lasciando uno spazio di almeno un metro e mezzo tra auto e ciclista, dovrebbe essere la norma e non l’eccezione.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

#fotoNONmie Immagini di repertorio.