Scuolabus elettrico

Scuolabus elettrico

308
0
Condividi

Buon lunedì riducente

Ridurre le emissioni in atmosfera è uno dei tanti modi per evitare che la natura si rivolti violentemente contro di noi.

Trentotto gradi in Siberia, grandinate a rovinare le pere di buona parte della provincia, venti violenti che strappano gli alberi da terra come fossero stuzzicadenti, sono segnali evidentissimi.

La notizia che una ditta di Castellucchio ha progettato, realizzato, collaudato e immatricolato uno scuolabus elettrico, è una buona notizia, nella direzione dell’inversione di tendenza di questa ripartenza in cui si privilegiano, di nuovo, le auto proprie che sono in maggioranza a combustibile fossile.

Conosco la polemica di chi sostiene che con le auto elettriche non fumano le macchine ma le centrali si, a cui è facile rispondere che le centrali fumerebbero comunque, visto che l’energia che producono, e che ci è indispensabile, si fa fatica ad accumulare.

Uno scuolabus, le cui percorrenze stanno all’interno dei 170 km di autonomia, è una buona notizia perché una ulteriore fonte di accumulo energetico, anche.

Quella cattiva è che sono stati necessari 18 mesi (il doppio di una gestazione umana) per immatricolarlo.

La burocrazia è meno pronta a dare una mano alla natura, di quel che si pensa.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

#fotoNONmie Immagini di repertorio