Al trist, al pégar e ‘l malsicür (2)

Al trist, al pégar e ‘l malsicür (2)

432
0
Condividi

la partita vista dal Ciffo

Per commentare questa nuova caduta in casa, dopo il patatràc con il Cesena (0-4!) e il punticino col Legnago (0-0), non ho trovato di meglio che raddoppiare il titolo (per i non mantovani: “il triste, il pigro e il malsicuro”) usato per la partita persa per 2-0 con la Sambenedettese nella 5ª giornata. Esagerato? La Voce: “è un Natale senza gioia” (= al trist”). Troise: “ … un po’ spenti … una squadra che pareva sulle gambe” (= “al pégar”), “indecisi negli ultimi metri” (= “al malsicür”). Malsicuro è apparso anche lui, il mister, che, “dopo la serie positiva ottenuta soffermandosi sul modulo 4-4-2 … ha rispolverato il 3-4-3 … e la squadra ha di nuovo perso la sua identità” (Gazzetta).

Che altro dire? Speriamo che la sosta natalizia faccia bene, che Troise si schiarisca le idee e la squadra guarisca dal “sandüc” che a volte la fa vincere 5-1 o 5-2 e altre la fa perdere in casa due partite consecutive, una addirittura per 4-0.

Quattro disegni, tre per i gol e uno per l’occasione più chiara del Mantova.

10’. Giro di passaggi “gubici” da una parte all’altra della nostra area, con difesa mantovana (7 uomini) perfettamente schierata in contemplazione, cross da destra e testatona vincente del Gomez, che salta meglio dei nostri “corazzieri” e frega il Tozzo inopinatamente partente dal primo palo (adesso è moda). (clicca sul disegno per ingrandirlo).

22’. Bis del Gubbio su corner, e bis anche del Gomez, che, con 10 omini biancorossi (oggi celestiali) davanti alla porta, e partendo “da fuori”, arriva prima di tutti, (1) tocca di testa, riprende la palla rimbalzata sullo stordito Milillo, e (2) infila Tozzo di destro. (clicca sul disegno per ingrandirlo).

27’. Occasione Mantova. cross di Guccione per la testa di Ganz, che supera il giallo portiere “gubico” ma trova tal Malaccari a respingere malaccarauguratamente sulla linea. Chissà se di qua o di là. (clicca sul disegno per ingrandirlo).

30’ del secondo tempo. Gol del Mantova, opera di Saveljevs che di testa mette dentro un bel cross di Zanandrea (portiere scalognato: lui ci arriva, ma il pallone va sul palo e poi gli rimbalza addosso per finire ancora sul palo e poi dentro!). Trop poch. Sperém ch’la cambia. Auguri a tutti. (clicca sul disegno per ingrandirlo).

Condividi