Le ho mai raccontato del vento del nord – La settima onda

Le ho mai raccontato del vento del nord – La settima onda

446
0
Condividi

Buongiorno a tutti, piacere di conoscervi! 🤗

Mi chiamo Alisea Zamboni, ho quasi 21 anni e ho una “migliore amica” molto particolare: la SMA1. È una patologia degenerativa che mi impedisce di fare quasi tutto, così da piccolissima mi sono innamorata della lettura e ho deciso di provare a trasmettere questa mia passione grazie alle recensioni che scrivo con il mio puntatore oculare.

Buona lettura (e buona evasione dalla realtà)! 😉

Oggi, per la mia prima recensione su Radio Base Mantova, voglio consigliarvi una serie composta da due libri abbastanza corti ma molto intensi:

“Le ho mai raccontato del Vento del Nord” e “La Settima Onda” di Daniel Glattauer, Edizioni Feltrinelli.

 

Tutto parte da un errore involontario nella scrittura di un indirizzo email. Leike invece di Like, ed Emmi, che voleva soltanto disdire un abbonamento, si ritrova a chattare con Leo.

All’inizio sembra che non succeda niente: le scuse per il disturbo, gli auguri di buon Natale e basta. Finché non subentra la noia matrimoniale di lei, che gli scrive di nuovo – stavolta intenzionalmente.

Da lì in poi la cosa degenera: si cercano sempre di più, si rivelano segreti anche scomodi, flirtano, si punzecchiano, litigano e, nonostante la loro storia faccia un sacco di alti e bassi, i due sembrano sempre pericolosamente vicini ad innamorarsi.

Solo che tutto questo è pur sempre solo un contatto tramite email: la realtà potrebbe deluderli. Magari è solo colpa della noia da matrimonio di Emmi e delle risate che Leo riesce a farle fare. Se si incontrassero davvero potrebbe finire tutto. In effetti ci provano diverse volte, ma alla fine uno dei due si tira sempre indietro… Ma forse devono solo aspettare il momento giusto!

Nonostante questi libri siano composti esclusivamente dalle email che si scambiano Emmi e Leo – come dei romanzi epistolari, insomma –, la storia è molto lineare e chiara. Le loro parole e le immagini che evocano sono così intense da poterle quasi vedere.

Se cercate qualcosa di romantico ma anche divertente; qualcosa di leggero ma anche intenso, avvincente e in certi casi anche filosofico; qualcosa che vi faccia ribaltare completamente le vostre certezze sull’amore; qualcosa che potete smettere di leggere in qualsiasi momento ma che non vorreste mai smettere di leggere, questi sono i libri giusti. E posso assicurarvi, per esperienza, che quando avrete finito il primo, vorrete immediatamente il secondo, perché una storia del genere non si può lasciare a metà! 😉

Di nuovo buona lettura e alla prossima recensione! 😘👋

Alisea Z.

Voce di Maria Vittoria Grassi

Condividi