Manca la legge sul bracconaggio ittico

Manca la legge sul bracconaggio ittico

260
0
Condividi

Buona domenica risvegliante

I nostri fiumi, laghi e anche canali, sono terreno di predazione, da parte di cittadini europei dell’est, che pescano anche nelle pozzanghere, per poi immettere sul mercato i prodotti delle loro scorribande.

Lo possono fare, sia perché sono criminali senza leggi e regole, sia perché mancano proprio le leggi che sono ferme in commissione agricoltura, bloccate da lobby dei pescatori professionisti, dalla pandemia e dal tormentone della elezione del Capo dello Stato.

Sfruttando il fatto che in Veneto ed Emilia, regioni a noi limitrofe e confinanti, non è vietato pescare professionalmente in laghi, fiumi e canali, “lavano” il pescato nelle nostre acque fingendo che arrivi da quei territori, immettendolo poi sul mercato, anche nostrano, con false attestazioni di provenienza e salubrità.

Darsi una mossa è il minimo che possiamo chiedere ai nostri rappresentanti legislatori.

A risentirci, o a rileggerci, alla prossima occasione. Grazie

@robertostorti

 

Immagini tratte dalla rete, senza esplicite, bloccanti, indicazioni di copyright

Condividi