La storia dell’uomo di ghiaccio

La storia dell’uomo di ghiaccio

256
0
Condividi

Per le piccole storie di Maria Vittoria Grassi ecco una semplice storia d’attualità.

C’era una volta, ma non tanto tempo fa, un uomo di ghiaccio.
Era un uomo molto cattivo: al suo passaggio tutto si spegneva o diventava gelido.
Gli alberi si rinsecchivano, le erbe inaridivano, il cielo si rannuvolava e gli uccelli smettevano di cantare.
L’uomo di ghiaccio aveva occhi gelidi, non sorrideva mai, il volto e gli abiti non avevano colore. Viveva tutto solo in un luogo freddo e desolato, in una grande casa di vetro, da cui poteva sorvegliare che nessuno si avvicinasse: non aveva parenti, né amici e non si sapeva da dove fosse venuto, anzi neppure da chi fosse nato.
Le persone che vivevano nei paesi e nelle città vicine erano spaventate e silenziose e nessuno osava avvicinarsi alla sua casa perché, a volte, l’uomo di ghiaccio (che non aveva neppure un nome) usciva per passeggiare e attorno a lui tutto diventava gelido e spoglio, finché non tornava sui suoi passi.
Ogni giorno si faceva portare la spesa da un ragazzo del paese e il poveretto, quando si avvicinava alla casa, sentiva rizzarglisi i capelli in testa e tornava alla bottega stecchito come un baccalà nel freezer. E col tempo le cose peggiorarono perché l’uomo di ghiaccio cominciò a diventare più pericoloso: non si sentiva abbastanza potente né abbastanza al sicuro.
Così, per allargare il suo territorio, chiamò altri uomini come lui che l’aiutassero a cacciare via la gente dei dintorni. Le case furono distrutte, le persone scapparono, il paese divenne vuoto e desolato. L’uomo di ghiaccio, soddisfatto, dalla sua casa di vetro guardava il paesaggio tutto attorno e si compiaceva della sua potenza.
Ma un giorno, mentre dietro la vetrata del suo palazzo contemplava l’estensione della sua terra, un raggio di sole inaspettato, sottile e tagliente come una spada, attraversò le nubi il vetro della finestra e si fermò sul suo petto. E il cuore dell’uomo di ghiaccio si sciolse come una palla di neve nell’acqua calda.
In breve del potente uomo di ghiaccio non rimase che una piccola pozza d’acqua dietro la finestra e del suo enorme e vasto territorio non rimase che una sconfinata terra vuota, pronta per essere di nuovo riscaldata dal sole e dal calore delle persone.

E con la speranza che ci sia sempre un raggio di sole a salvarci, un caro saluto da Vittoria e alla prossima!

Condividi