Guerra russo-ucraina: tra Papa e solidarietà

Guerra russo-ucraina: tra Papa e solidarietà

339
0
Condividi

Buon sabato di pace.
Ieri il Papa, al termine dell’udienza, ha mostrato la bandiera dell’Ucraina proveniente dalla città martoriata di Bucha. Nella catechesi aveva denunciato “l’impotenza dell’Onu”, ora evidenzia le nuove atrocità, come il massacro di civili a Bucha, e implora la fine della guerra. Inoltre il pontefice ha invitato i fedeli a non dimenticarsi dei bimbi fuggitivi accolti a Cagliari, e soprattutto dell’intero popolo ucraino. Papa Francesco dall’inizio non ha mai nominato Putin, pur denunciando la sua crudeltà; la diplomazia vaticana infatti non chiude mai la porta e non esclude un viaggio a Kiev se “conveniente” per la pace.
Infine il Papa sottolinea come non sia cambiato nulla dopo la Seconda guerra mondiale, come gli Stati più potenti continuino ad affermare i propri interessi opponendosi alla logica del rispetto e della libertà dei più piccoli.
La situazione attuale non può non far riflettere sull’obiettivo numero sedici di Agenda 2030, un obiettivo che mira a promuovere società pacifiche e a ridurre tutte le forme di violenza. Nonostante partecipi all’iniziativa la maggioranza degli Stati mondiali, si sta facendo ben poco per raggiungere il traguardo. La guerra continua ad imperversare in Medio Oriente, in Africa, ed ora, con il conflitto in Ucraina, risulta chiaro che l’unico ostacolo che ci impedisce di fare progressi è l’umanità. Non conta quante vite vadano perdute, quanto rallenti lo sviluppo della società, quanto ci tenga legati al modo di vivere del passato: la guerra non cesserà mai di esistere perché è una condizione insita nell’uomo, e riflette il suo desiderio di potere.
Alla fine dei conti noi non possiamo fare molto per fermare il conflitto, ma non dobbiamo nemmeno dimenticarci del popolo ucraino: dobbiamo anzi essere solidali verso le famiglie colpite, donando beni di prima necessità e accogliendole nel nostro Paese.

Grazie per l’attenzione, alla prossima!

Gruppo “Acireale” – Classe 5AS Mantegna – a.s. 2021/2022 – Ardizzoni Francesco – Guazzi Ivan – Emma Luppi

Condividi