La fòla dal pomdòr

La fòla dal pomdòr

131
0
Condividi

la partita vista dal Ciffo

Titolo già usato un anno e mezzo fa (il 18 aprile 2021) per la partita Gubbio-Mantova, conclusasi come questa a reti bianche. E, già che ci sono, riporto tale e quale la spiegazione di allora: “Diceva Gianni Brera che la partita perfetta finisce 0-0. Sarà anche vero, ma non è detto che ogni partita finita 0-0 sia perfetta. L’è la fòla dal pomdòr: se tutti i pomodori maturi sono rossi, non è detto che tutte le cose rosse siano pomodori maturi. Ergo, si può tranquillamente dire che la partita del Mantova con il Gubbio (ora con la Pro Sesto) non sia stata una partita perfetta…” anche se il cronista di Eleven, alla fine ha parlato di “bella partita”! No, non è stata una bella partita, però non son mancate le emozioni e le occasioni, da una parte e dall’altra; ma i segni di risveglio manifestati col Trento si son visti solo a tratti, nel primo tempo e alla fine del secondo: troppo poco per i tifosi che, dopo aver sostenuto la squadra durante la partita, hanno contestato tutta la baracca, allenatore compreso. Staremo a vedere, vedarém ben bèla.

(Visto che ho tirato in ballo la partita di un anno e mezzo fa, forse vale la pena ricordare che quel Mantova, allenato da Troise, schierava, oltre agli attuali Guccione, Gerbaudo, Silvestro e Pinton, Milillo e Checchi in difesa e Cheddira all’attacco … e, al termine di una stagione sia pure altalenante, s’è guadagnato i Playoff…)

Quattro disegni in croce, tre per nostre occasioni e una per l’occasionissima della ProSesto.

31’. Bella azione del Mantova. Lancio per Mensah che dal fondo porge a Matteucci: destrucci…one che sembra fare un gollastrone (il portiere Del Frate s’inginocchia rispettoso) ma arriva sparato tal Radaelli che salva la Pro Sesto dai fornelli. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

39’. Mensah-Guccione-Silvestro che sinistreggia e il palo scheggia. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

28’ del secondo tempo. Su azione da corner tal Toninelli fucila dal limite e il Chiorra riesce solo a respingere corto ma sui piedi di tal Marzupio che stelleggia (è quasi notte). (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Nel recupero Pinton offre a Guccione l’occasion d’oro, ma il Guccio si trova davanti il portier Del Frate, per schivarlo perde tempo e, quando finalmente tira, la porta, vuota di portiere ma piena di omini blu, è difesa dalla testatona di tal Giubilato, per il giubilo di quelli e la delusion di questi, che poi siam noi. Buona notte. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Condividi