Come na volta

Come na volta

122
0
Condividi

la partita vista dal Ciffo

È quasi sembrato di tornare indietro negli anni, con la festa a Di Carlo indimenticato allenatore del Mantova in B e la nostra squadra che ha giocato come allora, proprio come una volta… E lui, l’ho disegnato contento anche se il suo Pordenone ha perso, contento dell’affetto di Mantova che dice di portare nel cuore.

Dunque, gran partita e meritata vittoria contro una squadra nei primi posti di classifica. E sperém ch’ la düra.

24’. Contropiede di Pierobon: conquistata palla in mezzo al campo, parte in tromba e porge a Mensah (1) che entra in area, aspetta una po’ troppo e, quando si decide a tirare (2), si trova di fronte il portiere Festa che gli rovina la festa. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

27’. Tale Ajeti, appena in qua dal centrocampo, sferra un micidiale destro che solo il palo riesce a fermare… (ho diviso il disegno a metà perché, per rispettare le proporzioni della distanza, non mi sarebbe bastato un foglio normale…) (clicca sul disegno per ingrandirlo)

31’. Ed ecco il gran gol di De Francesco su punizione da 20 metri: la palla sfiora la barriera, rimbalza davanti a Festa e s’infila nell’angolino. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

44’. Palla rimbalzante nella nostra area, il prode Gerbaudo cerca di colmare il vuoto difensivo ma viene anticipato da tal Pinato (1) che poi sinistreggia sul rimbalzo (2) anticipando  anche Chiorra vanamente uscito. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

48’. Punizione di Guccione “sul primo palo” e bel tacco di Iotti che fa rotolare il pallone a un centimetro dalla linea di porta tra l’ammirazione di bianchi verdi e gialli (il portiere). (clicca sul disegno per ingrandirlo)

8’ della ripresa. Guccione fa partire Yeboah che in area sembra tonanare ma riesce ad allungare a Gerbaudo (1) spalle alla porta: giravolta e (2) sinistrone che finisce nell’angolone contemplato da Festa che ha il cognome giusto per noi. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Vi risparmio il finale da batticuore con le parate di Chiorra e le occasioni fallite per il 3-1, che sarebbe stato anche giusto per noi, ma eccessivo per Di Carlo e compagnia. Contentémas e sperém ch’ la düra.

 

Condividi