Na partida al tambürél con an gol e poch ad bél

Na partida al tambürél con an gol e poch ad bél

99
0
Condividi

la partita vista dal Ciffo

Una partita al tamburello, con un gol e poco di bello: è la mia sintesi per questa prima vittoria esterna del Mantova. Si dirà che una vittoria così preziosa avrebbe meritato una presentazione migliore, ma l’è mìa stada na gran partida… na partida al tambürél, con la bala poch in tèra e tant in ciel. Però abbiam fatto un gol e non ne abbiam preso (per la verità uno sì, ma in fuorigioco), mister Corrent ha salvato la panchina e siamo a 2 punti dalla zona salvezza. Dónca, bala avanti!

Nota cromatica. Ho fatto una bella fatica a distinguere il portiere arzignanese Saio dai suoi compagni: lui in completo giallo appena sporcato di verde chiarissimo e gli altri in giallo-celeste pure chiarissimo. Per fortuna il Saio aveva le maniche nere… ma del tutto insufficienti per distinguerlo in mischia”!

Il gol, al 39’, è ben descritto dalla Gazzetta: “punizione laterale di Guccione, Iotti devia di testa, la palla sbatte su un difensore e carambola verso Pierobon, che di sinistro infila l’1-0”. Nel disegno ho deciso di saltare il “batti e ribatti” in mischia per mostrare semplicemente il tiro-gol. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

Per lo stesso motivo di chiarezza non ho disegnato il palo colpito dal Pierobon qualche minuto prima, di testa, e sempre in mischia. Tropa confüsión.

41’. Reazione immediata dei giallo-celesti ad opera dell’ex Tremolada, che sinistreggia dal limite facendo tremolar la traversa con Chiorra salutante. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

 

40’ del secondo tempo (praticamente tutto arzignanese): seconda traversa, stavolta per gentile testata di tal Grandolfo, con Chiorra contemplante e forse anche orante. L’è andada. (clicca sul disegno per ingrandirlo)

 

 

Condividi