Cos’è un bene comune? I negozi sfitti ci parlano grazie a Rum...

Cos’è un bene comune? I negozi sfitti ci parlano grazie a Rum e Centro Palazzo Te

405
0
Condividi

Cos’è un bene comune? Come ognuno può valorizzare un bene comune? Di chi è un bene comune? Chi si prende cura di un bene comune? La mantovanità è un bene comune?

Questi gli interrogativi che, a partire da oggi 11 ottobre, compariranno sulle vetrine di alcuni negozi sfitti del centro di Mantova.

Si tratta dell’intervento Domande senza risposta attorno al bene comune, realizzato dall’associazione RUM Ri-animazione Urbana Mantova con la collaborazione del Comune di Mantova e del Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te. Il progetto ha l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini mantovani sul tema del bene comune.

L’idea parte dalla tematica degli spazi del vivere condiviso della città, comune denominatore delle opere del percorso espositivo Un sogno fatto a Mantova.

“La mostra Un sogno fatto a Mantova – spiega il presidente Stefano Baia Curioni – è dedicata alla città come luogo comune, per questo abbiamo coinvolto anche le associazioni mantovane che operano sul territorio a favore del bene comune. Il progetto di RUM ci sembra rispondere bene all’obiettivo di offrire stimoli nuovi e originali per riflettere sulla città come bene comune.”

“Abbiamo accolto con interesse l’idea del Centro di Palazzo Te di riflettere sulla città – dichiara Andrea Caprini, Assessore al welfare, terzo settore, creatività e partecipazione giovanile, immigrazione del Comune di Mantova – coinvolgendo i giovani e stimolando la loro creatività. Ci siamo quindi resi disponibili a collaborare e invitare le associazioni di giovani, come RUM, a dare il proprio contributo. Credo che simili iniziative possano aiutare a riannodare i legami nelle comunità, a rendere i cittadini e le nuove generazioni partecipi e costruttori dei processi di produzione della cultura.”

Questo intervento di sensibilizzazione urbana, in linea con la ricca programmazione di Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016, è stato reso possibile grazie al progetto Sfitto a Rendere gestito da RUM, che, con la collaborazione dei proprietari e delle agenzie immobiliari, intende mappare e individuare i negozi sfitti del centro, per trasformare un messaggio negativo di vuoto commerciale ed estetico in una potenziale opportunità per la città.

Domande senza risposta attorno al bene comune rimarrà allestito fino al 13 novembre 2016, data di chiusura della mostra Un sogno fatto a Mantova.

RUM Ri-animazione Urbana Mantova è un’associazione di promozione sociale che si occupa di rigenerazione urbana degli spazi pubblici e privati attraverso la modalità del lavoro di rete e della cooperazione con i soggetti del territorio. (per informazioni:rum.mantova@gmail.com)

INFO:  www.centropalazzote.it