Autori Articoli di Paolo Patria

Paolo Patria

11 ARTICOLI 0 Commenti
Nato nel 1961, infanzia con Canzonissima, adolescenza con Pink Floyd e Genesis, anni finali del liceo con Radio Base. Dopo un lungo periodo di ascolto di musica a corrente alternata, sente se stesso dire che quella di una volta era migliore. Ne resta così sconcertato da avviare il tentativo disperato di recuperare i capolavori che certo devono esserci nei decenni più recenti. Riemerge da questa immersione con l’opera completa dei Radiohead, una sana passione per i Rem e vari innamoramenti, dai Sigur Ros agli Awolnation, dai Coldplay agli Arcade Fire fino una raffica di singole canzoni di disparati interpreti, confermando il caos dei suoi gusti. L’esperienza con Radio Base, vissuta negli anni d’oro delle antenne libere, è stata talmente entusiasmante che non resiste al richiamo della web radio. Intanto lavora come giornalista al Resto del Carlino di Reggio Emilia, è appassionato di storia mantovana e romana, dei tempi di Radiobase gli è rimasta l’appartenenza al Collettivo Duedicoppe, al cinema si commuove vedendo Jodorowsky’s Dune e Titane e non capisce bene perché.
Pubblicità
7,453FansMi piace
3,556FollowerSegui

Ultime Notizie

Il re molto piccolo

Lepiccole storie di Maria Vittoria Grassi   C’era una volta un re piccolissimo. Era nato così piccolo che sua madre, la regina Gertrude, che ci vedeva...

Runaways “The Runaways” (1976)

Runaways “The Runaways”, 1976 (Mercury) Hard-rock, glam-rock, punk-rock di Martina Vetrugno Siamo agli inizi del 1975, e l’allora appena sedicenne Joan Marie Larkin, oggi nota al pubblico come...

Il giardino magico

Le piccole storie di Maria Vittoria Grassi C’era una volta, in una piccola città un giardino speciale. A vederlo non sembrava per niente diverso da...

Bitch Magnet “Umber” (1989)

Bitch Magnet “Umber”, 1989 (Communion) Hardcore di Francesco Nunziata A tagliare in due l'epopea dell'hardcore ci pensarono i 25'46" di "Skag Heaven", l'unico disco (tralasciando i 17' dell'Ep...